Stampa
Categoria: Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano
Visite: 1912
"Roscigno, abitanti tre, due donne e un uomo, sono rimasti solo loro, non sai se tenaci o rassegnati, in quello che può definirsi un paese fantasma, popolato ormai solo da ricordi e suggestioni, spaccato di una civiltà che muore affogata nel nuovo, ma che conserva una dignità fatta di cose semplici e di una fragranza di antico...".
E' un giovane cronista del mattino, Onorato Volzone, rimasto ammaliato dalla bellezza del posto, a raccontare per la prima volta di Roscigno, paese del Cilento interno che sorge sulle pendici del Monte Pruno, detto anche “Balcone degli Alburni.

Il paese è diviso in due parti: Roscigno Nuovo e Roscigno Vecchia, completamente disabitato dagli inizi del secolo scorso per effetto di due ordinanze emanate dal genio civile che imponevano l'evacuazione di quegli insediamenti a rischio di frane per la natura argillosa del terreno.

Roscigno Vecchia offre al visitatore un ambiente suggestivo e misterioso e qui ritroviamo quasi intatta la struttura urbanistica dei paesi cilentani, con i palazzotti, le cappelle signorili, le case povere abitante un tempo dai contadini e una chiesa del settecento. Oggi la storia di questo borgo rivive attraverso le fotografie storiche e i tanti oggetti di vita rurale raccolti e conservati nel museo della casa contadina allestito nei locali restaurati di una ex casa colonica e del vecchio municipio.

Da visitare: il Museo della Civiltà Contadina, la Chiesa di San Nicola di Bari (costruita nel 1770 e attualmente in restauro), la Fontana e il Campanile, tutte strutture architettoniche rimaste inalterate nel tempo, e le antiche tombe ritrovate su una piana del Monte Pruno a 2 km da Roscigno, dove sono venute alla luce abitazioni e sepolture con ricchi corredi risalenti ad un arco cronologico tra il VII e il III sec. a.C.: gioielli di ambra intagliata, armi, vasellame in argento, bronzo e in ceramica, utensili, appartenenti, tra l’altro, ad una tomba “principesca” (questo primo centro abitato è considerato il più antico villaggio enotrio-lucano).
Gli appassionati delle passeggiate nel verde possono risalire il corso del torrente Sammaro fino a giungere alla sorgente cristallina.